back to » Architettura

OMA a Looking Around

OMA A LOOKING AROUND

Martedì 11 ottobre 2016, ore 18
Film Commission Torino Piemonte, Sala Il Movie
Via Cagliari 42, Torino

L’architetto olandese Reinier de Graaf sarà il prossimo ospite del ciclo Looking Around. È partner dello studio OMA dove ha seguito la realizzazione di progetti in cui la ricerca di forme architettoniche innovative e l’adozione di tecnologie per la riduzione dei consumi energetici si coniugano con una profonda attenzione al contesto.

Questo connubio è evidente nel De Rotterdam, anche detto “la città verticale”; l’edificio, inaugurato nel 2013, con i suoi 160.000m² ha cambiato lo skyline della cittadina olandese; è tra gli edifici più grandi d’Europa ed è il più grande d’Olanda.
Si colloca nello stesso quartiere disegnato dagli edifici di Norman Foster, Renzo Piano, Mecanoo e Alvaro Siza. È formato da tre torri alte 150 metri che sono parte del progetto di ristrutturazione del vecchio porto di Rotterdam, il Wilhelminapier, accanto al ponte Erasmus e lungo la Mosa. Un intervento che ha portato alla trasformazione del quartiere in una vivace zona convertita e ripopolata, dove sono confluite attività cittadine diurne e notturne, in una cornice architettonica d’eccezione. L’edificio deve il suo nome, De Rotterdam, a una delle due navi della Holland America Line, conosciute per aver portato dalla penisola Wilhelminapier migliaia di europei verso gli Stati Uniti nel periodo dell’emigrazione di massa.
Il De Rotterdam si configura come una città nella città: occupa un’area equivalente a quella di un campo da calcio. Le tre torri interconnesse fra loro ospitano uffici, appartamenti, un hotel, sale per conferenze, ristoranti, negozi e una palestra. Dal punto di vista della tutela dell’ambiente, l’edificio è di classe energetica A ed è alimentato con energia proveniente dai pannelli solari installati sul tetto e da 9 turbine eoliche. Per la climatizzazione degli interni e per il riscaldamento, viene utilizzata l’acqua della Mosa.

È basato sulla stessa filosofia il progetto Timmerhuis, un edificio multifunzionale che ospita servizi comunali, uffici e unità residenziali. È pienamente visibile da una delle arterie principali di Rotterdam, Coolsingel, ed è circondato su due lati dalla Stadstimmerhuis (un edificio comunale del 1953); una collocazione che rendeva necessaria una composizione adattabile al contesto e in accordo con la pianificazione urbana di Rotterdam.
La scelta dei progettisti ha portato alla definizione di un volume modulare con unità ripetute che man mano che l’edificio sale in altezza arretrano rispetto alla strada e la composizione di celle più piccole crea un’impressionante forma complessa che riesce a mediare con le strutture esistenti: mantiene le stesse altezze dell’edificio comunale, mentre il basamento si colloca alla stessa altezza del Laurenskwartier, il quartiere storico circostante.
Il sistema strutturale è altamente versatile e consente l’adattamento degli spazi a uffici o a residenza a seconda delle necessità e ha permesso la creazione di terrazze verdi sui livelli più alti; al livello della strada, la struttura permette di avere ampio spazio aperto, con moduli a strapiombo, e di non sconfinare in una zona interstiziale, favorendo il collegamento tra Timmerhuis e la città.
La richiesta dei commenti era che Timmerhuis fosse l’edificio più sostenibile nei Paesi Bassi. OMA ha affrontato questo imperativo attraverso il concetto chiave di flessibilità, e anche attraverso due grandi atri, che agiscono come polmoni. Essi sono collegati a un sistema di climatizzazione che immagazzina il calore in estate e il freddo in inverno e rilascia questa energia come aria calda o fredda, come richiesto. Le facciate in tripli vetri utilizzano un isolamento traslucido hi-tech che permette un’efficienza energetica senza precedenti.

La partecipazione all'incontro, sarà coordinato da Davide Tommaso Ferrando, è libera fino a esaurimento posti.
Per avere la garanzia del posto a sedere e il riconoscimento di 2 crediti formativi professionali è possibile prenotarsi attraverso la pagina dedicata, versando una quota di € 15 + iva (€ 18 + iva per chi non è iscritto all'Ordine degli Architetti di Torino e per chi non è Amico della Fondazione) per la copertura dei costi di segreteria.

28/09/16

Nella fotografia: l’edificio Timmerhuis di Rotterdam, completato nel 2015.