back to » Architettura

L'Italia in Svizzera

L’ITALIA IN SVIZZERA

Giovedì 7 aprile 2016, ore 18
Centro Incontri "Monte dei Cappuccini", Sala degli Stemmi
Salita al CAI Torino 12, Torino


Il Ticino, il Cantone più meridionale della Svizzera e che adotta l’italiano come lingua ufficiale, rappresenta da secoli un crocevia di scambi e di contaminazioni tra popoli e, come recita la Costituzione stessa, riveste il compito storico di interpretare la cultura italiana nella confederazione elvetica. Questa poliedricità si riflette anche nella sua architettura, aperta al confronto e al dibattito a livello internazionale e che fa del Cantone un laboratorio urbano di grande interesse.
Ma cosa contraddistingue precisamente l’architettura ticinese e cosa significa per un progettista italiano lavorare in questo territorio? Giovedì 7 aprile alle ore 18, durante l’incontro formativo proposto dalla Fondazione per l’architettura / Torino e dall’associazione GAC (Gruppo Architetti Canavese & Valle d'Aosta), si risponderà a questi interrogativi attraverso un breve excursus della storia dell’architettura di questo territorio, partendo dalla “scuola ticinese”, rigorosa, precisa e sensibile all’inserimento paesaggistico delle opere, fino ad arrivare alle nuove declinazioni contemporanee capaci di coniugare la tradizione locale alle nuove competenze provenienti dall’estero.
Durante il convegno interverranno l’architetto Federico Tranfa, che a gennaio ha inaugurato una rubrica dedicata all’architettura svizzera sulla rivista Casabella, di cui è redattore dal 2013, e Pier Massimo Cinquetti, consigliere dell’Ordine degli Architetti di Torino e iscritto all’Ordine del Canton Ticino, il quale condividerà la propria esperienza lavorativa in Svizzera e illustrerà le prospettive che questo Paese riserva agli architetti stranieri.
Ma i professionisti potranno valicare i confini nazionali non solo con l’immaginazione: il convegno infatti sarà un piccolo assaggio del viaggio studio Architettura contemporanea in Ticino che sarà presentato durante la serata da Paolo Giordano dell’associazione GAC. Inoltre chi deciderà di iscriversi al viaggio, in programma dal 13 al 15 maggio 2016 e promosso dalla Fondazione e dall'associazione GAC, vedrà scontato il costo dell’iscrizione all’incontro (€ 15 + iva) dalla quota di adesione al viaggio.
Vai alla pagina dedicata al viaggio.

Per la partecipazione all’incontro è previsto il riconoscimento di 2 crediti formativi per gli architetti. Per iscriverti vai alla pagina dedicata.

14/03/16