back to » Cultura

Architettura e teatro

ARCHITETTURA E TEATRO


Uno spettacolo teatrale per raccontare come il coraggio e la libertà possano essere espressi attraverso l’architettura è l’iniziativa proposta dalla Fondazione Franco Albini su invito del festival in occasione di Architettura in Città.
Il Coraggio del Proprio Tempo è una rappresentazione che descrive la nascita del Movimento Moderno e l’origine del design e come gli intellettuali di riferimento abbiano utilizzato l’architettura per abbattere le barriere imposte dalle costrizioni politiche e sociali dell’epoca.
Lo spettacolo prende le mosse dal testo di Maria Brandon Albini “La Gibigianna” che ripercorre la storia di alcuni protagonisti del movimento che hanno contraddistinto l’Italia tra i due conflitti mondiali, ricostruendo il clima politico e culturale con le testimonianze di intellettuali come Franco Albini, Giuseppe Pagano, Edoardo Persico, BBPR (Gian Luigi Banfi, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers), Giovanni Ponti, Giancarlo Palanti, Ignazio Gardella e Raffaello Giolli.
“Sono rimasta colpita prima di tutto dai valori sottesi alle opere e ho sentito il bisogno di condividerli” spiega la vice presidente della Fondazione Paola Albini motivando come sia nata l’idea dello spettacolo “in particolare me ne tornava in mente uno: il coraggio! Inteso come la forza di prendere una posizione, di lasciare il proprio segno nel mondo e di dare il proprio contributo. Da parte di ognuno a proprio modo. L’esempio di questi uomini li rende dei maestri di “metodo” ma anche di vita. Oggi come ieri”.
L’appuntamento è mercoledì 1° luglio alle 21.30, nella suggestiva cornice dell’ex Borsa Valori: attraverso le parole recitate da Enrico Ballardini, le opere di Gaber, Jannacci, Strehler, Silvestri, Turchi e De André e le musiche appositamente composte dal Maestro Alessandro Nidi ed eseguite da Elio Baldi Cantù, prenderà vita “uno spaccato sulla vita di uomini che hanno lottato contro un regime totalitario allo scopo di fondare un movimento di riscatto sociale, pagando a volte con la stessa vita, scelte di autonomia e di libertà” conclude Paola Albini.


03/06/15